Cos’è la Geo-Restriction Tech? (Come si può bypassarlo?) |


Che cos’è la tecnologia di restrizione geografica?

Le restrizioni geografiche (chiamate anche blocchi geografici) sono un metodo utilizzato dai fornitori di contenuti per limitare l’accesso ai loro servizi e piattaforme su base geografica. In sostanza, consente loro di rendere disponibili i loro siti Web in determinati paesi.

Un buon esempio è Tubi, una piattaforma di streaming TV gratuita. Se provi ad accedervi al di fuori degli Stati Uniti, avrai accesso limitato al suo contenuto. Se al momento provi ad accedervi dall’UE, riceverai un messaggio che ti informa che il servizio non è disponibile in quella zona.

Netflix US è un altro buon esempio di geo-blocking in azione. Nel loro caso, tuttavia, non ti dicono che il servizio non è disponibile nel tuo Paese. Invece, di solito ti reindirizzano a una libreria di contenuti che funziona nella tua regione.

Come funzionano le restrizioni geografiche?

È piuttosto semplice: le restrizioni geografiche sono possibili perché i siti web possono vedere la tua posizione geografica quando ti colleghi a loro. Pertanto, tutto ciò che un sito Web deve fare quando riceve una richiesta di connessione dal dispositivo è verificare se è presente nella whitelist o nella blacklist. Se è nella lista nera, ti reindirizzerà a una pagina riservata alla tua regione (come fa Netflix quando ti reindirizza alla libreria disponibile nel tuo paese). In alternativa, il sito Web può rifiutare la tua richiesta di connessione e inviare un messaggio che ti informa che il servizio non è disponibile nel tuo Paese.

In che modo un sito Web vede la tua posizione geografica? Di solito, ottengono tali informazioni da:

  • Il tuo indirizzo IP
  • Indirizzo MAC WiFi e / o Bluetooth
  • La posizione della tua connessione WiFi
  • Il GPS del tuo dispositivo
  • Il tuo RFID (identificazione a radiofrequenza)
  • L’ID cellulare GSM (2G) o CDMA (3G) del dispositivo

6 motivi per cui vengono utilizzati blocchi geografici

Ecco una panoramica dei principali motivi per cui ti imbatti in restrizioni geografiche quando sei su Internet:

1. Accordi sul copyright

I fornitori di contenuti (come Netflix, BBC iPlayer, Hulu, ecc.) Non possiedono i diritti su tutti i contenuti che hanno in mostra – hanno solo il diritto di trasmetterli. Quindi, è il detentore del copyright originale che decide se il contenuto può essere trasmesso o meno in tutto il mondo. Se ciò non è consentito, le piattaforme di contenuti devono rispettare tali regolamenti e la tecnologia di restrizione geografica li aiuta a farlo.

2. Diritti di licenza

I titolari di copyright e i fornitori di contenuti devono acquistare i diritti di licenza in un Paese specifico se desiderano trasmettere in streaming i loro contenuti. Ciò può diventare piuttosto costoso (specialmente quando si pensa ad altre tasse specifiche per paese che potrebbero entrare in gioco), quindi non è difficile immaginare che l’acquisto di diritti di licenza in tutto il mondo sia fuori discussione.

3. Discriminazione dei prezzi

Le restrizioni geografiche possono essere utilizzate per applicare la discriminazione dei prezzi: l’atto di visualizzare prezzi diversi in base al paese da cui l’utente online si sta connettendo. I rivenditori online e le compagnie aeree tendono a fare questo per dividere meglio il mondo in più segmenti di mercato e ottenere un profitto maggiore.

4. Blackouts

Negli Stati Uniti, i blocchi geografici vengono spesso utilizzati nei blackout, una pratica “popolare” tra le emittenti televisive, le reti nazionali, i campionati sportivi e le associazioni. Fondamentalmente, le restrizioni geografiche vengono utilizzate per assicurarsi che un determinato evento sportivo non venga trasmesso in streaming in un’area in cui:

  • L’evento in questione si sta svolgendo.
  • I diritti di distribuzione sono di proprietà esclusiva delle reti nazionali.
  • Detto evento è già stato trasmesso localmente.

5. Ragioni legali

I metodi di restrizione geografica possono spesso essere impiegati da un governo per motivi legali. Ad esempio, il governo del Regno Unito utilizza i blocchi geografici per assicurarsi che i loro contenuti TV siano disponibili solo nel Regno Unito (con alcune eccezioni) perché è tutto finanziato dal denaro dei contribuenti.

6. Requisiti legali

A volte, alcune aziende devono seguire specifiche leggi internazionali e nazionali per operare in un paese o una regione – e tali leggi possono costringere dette aziende a utilizzare metodi di restrizione geografica.

Ad esempio, i casinò online di solito devono utilizzare le restrizioni geografiche per conformarsi alle leggi sul gioco d’azzardo online, soprattutto perché non sono legalmente autorizzati a offrire i propri servizi in paesi che vietano il gioco d’azzardo online.

L’uso della tecnologia di geo-restrizione è legale?

Generalmente si. Al momento, l’UE sembra essere l’unico luogo in cui è in corso un’azione legale contro i metodi di restrizione geografica. Ecco una rapida panoramica di quello che sta succedendo:

  • Nel 2018, l’UE apparentemente ha vietato ciò che chiamano “blocco geografico ingiustificato”. Anche se suona bene, il divieto non ha ottenuto molto dal momento che c’era una scappatoia legale che affermava che il divieto non si applicava se il blocco geografico fosse necessario per garantire la conformità ai requisiti legali. Inoltre, il divieto non riguardava media come videogiochi ed eBook.
  • Avanti rapidamente di alcuni mesi e l’UE ha adottato i regolamenti sulla portabilità dei media digitali. Fondamentalmente, i nuovi regolamenti affermavano che i fornitori di contenuti che offrono servizi a pagamento devono fornire un tipo di “roaming” negli Stati membri dell’UE. Sky Go e NOW TV sono buoni esempi di come funziona, in quanto consentono agli utenti di guardare i contenuti del Regno Unito al di fuori del paese fino a 30 giorni se si trovano negli Stati membri dell’UE.
  • Verso la fine del 2018, è entrato in vigore un nuovo regolamento UE, che ha sostanzialmente posto fine al blocco geografico nell’eCommerce.

I paesi extra UE in Europa potrebbero non seguire questa legislazione, quindi è probabile che il blocco geografico non sia visto come un problema legale in quei luoghi.

In regioni come il Nord America e l’Australia, il blocco geografico è considerato una pratica normale come un modo per proteggere i diritti d’autore di artisti, produttori di TV / film e altri creatori di contenuti. Per quanto riguarda luoghi come l’Asia, il Medio Oriente, il Sud America e l’Africa, non esistono leggi chiare che stabiliscano se il blocco geografico sia legale o meno. Di solito, è praticato anche lì.

4 semplici modi per accedere ai contenuti con restrizioni geografiche

Di solito, il modo migliore e più semplice per aggirare i metodi di restrizione geografica è nascondere il tuo indirizzo IP o la geolocalizzazione quando sei su Internet. Anche se potrebbe sembrare difficile, in realtà non lo è.

Accesso a contenuti con restrizioni geografiche

In effetti, hai quattro opzioni che puoi provare:

1. Servizi VPN

Un servizio VPN ti aiuta a bypassare i blocchi geografici sostituendo il tuo indirizzo IP con l’indirizzo del server VPN a cui ti connetti. Pertanto, se ti connetti a un server VPN con sede negli Stati Uniti, puoi accedere a siti Web con restrizioni geografiche disponibili solo lì

Le VPN sono piuttosto facili da usare e non possono essere bloccate dagli ISP (come fanno i servizi Smart DNS). Inoltre, poiché una VPN utilizza la crittografia, può impedire al tuo ISP di limitare anche la larghezza di banda.

Tuttavia, dovresti sapere che la crittografia di una VPN può interferire con la velocità della tua connessione. Questo non vuol dire che la tua velocità online diminuirà del 100%, ma a seconda della forza della crittografia e del protocollo VPN, potresti riscontrare alcuni rallentamenti.

Professionisti

  • La connessione a un server VPN è tutto ciò che serve per nascondere il tuo indirizzo IP.
  • Poiché le VPN utilizzano la crittografia, possono aiutarti a prevenire la limitazione della larghezza di banda dell’ISP.
  • La maggior parte dei server VPN sono dotati di connessioni ad alta velocità e larghezza di banda illimitata.
  • Non c’è davvero modo per gli ISP di bloccare le VPN.

Contro

  • A seconda della forza della crittografia e del protocollo VPN, le tue velocità online potrebbero subire un colpo.

2. Servizi DNS intelligenti

Uno Smart DNS è un servizio che puoi utilizzare per nascondere il tuo vero indirizzo DNS che ti è stato assegnato dal tuo ISP. Sebbene non sia lo stesso che nascondere il tuo indirizzo IP, il tuo indirizzo DNS contiene anche informazioni che rivelano la tua reale geolocalizzazione. Quindi, sostituirlo con un nuovo indirizzo che contiene dati che indicano un luogo in un paese in cui il contenuto è disponibile è un buon modo per aggirare i blocchi geografici.

Inoltre, uno Smart DNS intercetterà anche le richieste di connessione a qualsiasi sito Web a cui si desidera accedere e sostituirà tutti i dati presenti in essi che perdono la posizione geografica con nuove informazioni collegate a una posizione diversa, “autorizzata”.

Un’altra cosa grandiosa dei servizi Smart DNS è la mancanza di crittografia, che ti consente di accedere a contenuti con restrizioni geografiche godendo delle velocità ISP originali. Inoltre, la maggior parte dei servizi Smart DNS offre l’accesso a un vasto elenco di siti Web pre-sbloccati a cui è possibile accedere immediatamente.

D’altra parte, un problema è che il tuo ISP potrebbe bloccare lo Smart DNS che usi con un proxy trasparente. Questo, e talvolta potresti non trovare il sito web che desideri nell’elenco dei siti Web pre-sbloccati. Di solito, questo non è un grosso problema poiché puoi chiedere al provider di aggiungere il sito web che desideri all’elenco.

Professionisti

  • Uno Smart DNS è facile da usare e ti aiuta a nascondere la tua geolocalizzazione nascondendo il tuo indirizzo DNS.
  • Non viene utilizzata la crittografia, quindi puoi goderti le velocità di connessione originali.
  • I servizi DNS intelligenti offrono l’accesso a tonnellate di siti Web pre-sbloccati. Puoi anche chiedere al provider di sbloccare nuovi siti web.
  • Un DNS intelligente può essere configurato praticamente su qualsiasi dispositivo connesso a Internet.

Contro

  • Il tuo ISP potrebbe bloccare lo Smart DNS con un proxy trasparente.
  • L’elenco dei siti Web non sbloccati non contiene tutti i singoli siti Web in una regione.

3. Server proxy

Un server proxy si comporta come un intermediario tra te e il web. Ti invii le tue richieste di connessione e le inoltra al sito Web corretto per tuo conto, ma lo fa utilizzando il proprio indirizzo IP anziché il tuo. Quindi, ti aiuta a bypassare i blocchi geografici con facilità.

Inoltre, un server proxy può utilizzare la memorizzazione nella cache locale per fornire risposte più veloci alle tue richieste. Fondamentalmente, se il server ha già il contenuto richiesto nella sua cache locale, non è necessario inoltrare la richiesta al Web, risparmiando tempo.

Inoltre, alcuni proxy non usano la crittografia, quindi non interferiranno con le tue velocità online. Tuttavia, non è molto se si considera che molti server proxy hanno limiti di larghezza di banda che ti impediscono di ottenere le alte velocità che desideri.

Altri problemi di solito includono la mancanza di supporto tecnico, il fatto che alcuni server (specialmente quelli gratuiti) tendono ad essere sovraffollati e subiscono molti tempi di inattività e che i proxy che utilizzano connessioni HTTP rivelano il tuo vero indirizzo IP al proprietario del proxy.

Professionisti

  • Un proxy nasconde il tuo indirizzo IP e può restituire risultati più velocemente se sono archiviati nella cache locale del server.
  • I server proxy che non utilizzano la crittografia non devono interferire con le tue velocità online.
  • Molti servizi proxy possono essere utilizzati direttamente dal tuo browser.

Contro

  • Nonostante la mancanza di crittografia, la maggior parte delle volte non otterrai velocità elevate perché i server hanno limiti di larghezza di banda e sono sovraffollati.
  • Se usi un server proxy con connessioni HTTP, il proprietario può vedere il tuo vero indirizzo IP.
  • I proxy tendono a subire molti tempi di inattività e di solito non offrono supporto poiché sono spesso gratuiti da utilizzare.

4. Tor (The Onion Router)

Tor è una rete di anonimato gratuita che nasconde il tuo indirizzo IP quando sei su Internet, consentendoti di bypassare i blocchi geografici. L’impronta digitale è anche nascosta poiché il traffico online viene rimbalzato e crittografato tra più relè Tor.

Tuttavia, il servizio presenta alcuni problemi. Per uno, i relè sono gestiti da volontari, quindi non è garantito che siano affidabili al 100%. Ad esempio, un ISP può chiudere un relè se lo trova (cosa che può accadere con i relè di uscita, dove il traffico Tor non è più crittografato).

Inoltre, l’attuale numero di relè Tor è di circa 6.000 e 7.000, mentre il numero totale di utenti Tor è di circa due milioni. Ciò significa che i relè sono spesso sovraffollati e potrebbe essere necessario gestire basse velocità online.

Infine, c’è anche il fatto che i governi possono bloccare completamente Tor se lo vogliono davvero.

Professionisti

  • Tor ti aiuta a nascondere il tuo indirizzo IP per bypassare i blocchi geografici.
  • Il traffico tor viene rimbalzato tra più relè, nascondendo il tuo traffico digitale e crittografandolo.
  • Il numero di relè Tor è inferiore rispetto al numero di utenti Tor, con conseguenti connessioni a bassa velocità e instabili.

Contro

  • I relè Tor possono essere bloccati dagli ISP, in particolare i relè di uscita.
  • Tor può potenzialmente essere bloccato dai governi.

Quale servizio è il metodo di bypass di geo-restrizione più conveniente?

Nel complesso, tutti i servizi hanno i loro vantaggi e svantaggi, anche se sembra che Tor sia meno efficiente perché può essere bloccato dal tuo ISP o governo + non ci sono abbastanza relè per supportare l’enorme numero di utenti, quindi le velocità sono piuttosto basse.

Sblocca contenuto con restrizioni geografiche

Le VPN, i servizi Smart DNS e i proxy sono piuttosto legati, ma i servizi Smart DNS e le VPN sono una scelta migliore. Idealmente, dovresti scegliere un provider VPN che offre l’accesso a tutti quei servizi contemporaneamente, in modo da poter passare liberamente da uno all’altro in base a ciò che funziona meglio per te.

Hai bisogno di un servizio per aiutarti a bypassare tutti i metodi di restrizione geografica?

Abbiamo tutto ciò di cui hai bisogno: un servizio VPN di fascia alta che offre anche server proxy gratuiti e un servizio Smart DNS. In questo modo, puoi vedere quale metodo funziona meglio per te con facilità.

La nostra VPN offre oltre 28 server ad alta velocità e tutti sono dotati di larghezza di banda illimitata. I server fungono anche da server proxy e puoi utilizzare i nostri servizi su più piattaforme con le nostre app intuitive.

Il nostro servizio Smart DNS include un vasto elenco di siti Web pre-sbloccati a cui puoi accedere istantaneamente.

Non preoccuparti: non è necessario scegliere subito un abbonamento. Sentiti libero di testare il nostro servizio gratuitamente per 24 ore prima per assicurarti che soddisfi tutte le tue esigenze.

Oh, e dovremmo anche menzionare che avremo le tue spalle con una garanzia di rimborso di 30 giorni una volta che diventerai anche un utente CactusVPN.

Conclusione

La tecnologia di restrizione geografica viene utilizzata dai fornitori di contenuti per dettare in quali paesi sono disponibili vari contenuti e servizi online. Ad esempio, Pandora Radio funziona solo negli Stati Uniti e non è possibile accedere al servizio al di fuori del Paese.

I metodi di restrizione geografica vengono normalmente utilizzati per motivi legati al diritto d’autore, poiché il fornitore di contenuti non ha i diritti di licenza per trasmettere il contenuto in tutti i Paesi e per motivi legali. Il blocco geografico può anche essere utilizzato per applicare la discriminazione dei prezzi nel tentativo di ottenere maggiori profitti.

Il blocco geografico è normalmente considerato legale, tranne che nell’UE dove le recenti normative lo hanno reso meno accettabile.
Il modo migliore per aggirare le restrizioni geografiche è nascondere la tua posizione geografica sul Web. Ciò può essere ottenuto mascherando il tuo indirizzo IP (cosa che puoi fare con un proxy, VPN o Tor) o indirizzo DNS (ottenibile con un servizio Smart DNS). Idealmente, dovresti scegliere un provider che offre l’accesso ai servizi più efficienti (proxy, VPN, Smart DNS) in un unico posto.

Kim Martin
Kim Martin Administrator
Sorry! The Author has not filled his profile.
follow me