9 modi per aumentare la velocità della tua VPN

Man mano che le VPN diventano sempre più popolari, molti di noi trascorrono buona parte del loro tempo online connessi a uno. Dopotutto, è un ottimo modo per sbloccare siti Web geo-bloccati o censurati e per mantenere la privacy e la sicurezza online.


Sfortunatamente, l’utilizzo anche dei migliori provider VPN può ridurre le prestazioni di Internet. È un problema che si presenta in genere come una connessione lenta o talvolta addirittura inutilizzabile.

Come rendere una VPN più veloce

In alcuni casi di rallentamento, la colpa è della connessione Internet sottostante. In altri, potrebbe essere la stessa VPN. Ad ogni modo, se stai lottando con una scarsa connessione, c’è speranza. Ecco nove modi per velocizzare la tua VPN e sfruttarne al massimo le prestazioni.

  1. Cambia server VPN

    Una delle cause più comuni di una connessione VPN lenta è il server VPN. Ci sono diversi motivi per cui questo potrebbe essere il caso, il primo è la distanza geografica.

    Si riduce a questo: più il server è lontano da te, maggiore è la distanza che i tuoi dati devono percorrere, più lenta è la connessione.

    La maggior parte dei provider ti consente di scegliere da un elenco di server in tutto il mondo. Come primo passo, se non l’hai già fatto, prova quello più vicino a te e poi controlla il miglioramento della velocità. Potrebbe essere così semplice.

    Se stai già utilizzando il server più vicino, è possibile che il problema risieda nel percorso di rete tra te e quel server. In questo caso, prova altri server disponibili (nell’ordine dal più vicino al più lontano) per vedere se riesci a trovarne uno che funzioni meglio.

    A volte un server a cui sei connesso potrebbe anche presentare una domanda elevata e diventare sovraccarico. Passare a uno che è attualmente sottoutilizzato (anche se potrebbe essere più lontano), può risolvere eventuali problemi di velocità.

    Potrebbe essere necessario cambiare server più di una volta per trovare quello che offre le migliori prestazioni.

  2. Prova un protocollo diverso

    Una connessione VPN è un tunnel crittografato tra il dispositivo e il server VPN. Mantiene gli occhi indiscreti dal vedere il contenuto del tuo traffico. Per creare questo tunnel sicuro, i provider VPN utilizzano protocolli e standard di crittografia diversi.

    Tuttavia, non tutte le combinazioni vengono create allo stesso modo. Alcuni privilegiano la sicurezza e sacrificano le prestazioni, mentre altri fanno il contrario.

    In generale, la maggior parte delle VPN commerciali utilizza il protocollo OpenVPN. È open source e offre un buon equilibrio tra velocità e sicurezza. In molti casi, tuttavia, potresti essere in grado di trovare un’opzione diversa che può funzionare meglio nelle tue circostanze specifiche.

    Un’alternativa popolare è nota come L2TP / IPSec. Dato il giusto insieme di condizioni, il suo utilizzo ha buone probabilità di migliorare le prestazioni della connessione. Un altro protocollo che vale la pena considerare è PPTP. Mentre PPTP è di solito il più veloce, è anche il più insicuro.

    Se la velocità è tutto ciò che ti interessa, PPTP potrebbe essere la soluzione migliore. Non fare affidamento su di esso per proteggere i tuoi dati da chiunque si impegni a intercettarli.

  3. Modifica impostazioni protocollo

    Oltre a modificare completamente il protocollo VPN, puoi anche modificare le impostazioni all’interno di ciascuno. Ciò può anche comportare un notevole aumento della velocità.

    Alcune reti pubbliche (e anche alcune connessioni private) limitano il traffico VPN per ridurre potenziali abusi. Tali reti possono anche soffrire di instabilità causata da determinate impostazioni del client. Entrambe le cose possono causare il caos su una connessione VPN. Per ovviare a questi potenziali problemi e migliorare le prestazioni, a volte è necessario modificare la configurazione predefinita del software VPN.

    Un’impostazione per provare a cambiare è la preferenza per UDP su TCP. Entrambi sono protocolli utilizzati per l’invio di bit di dati su Internet. Per impostazione predefinita, la maggior parte delle connessioni VPN utilizza UDP, che in genere è la più veloce delle due opzioni. In alcuni casi, tuttavia, il passaggio a TCP può comportare una connessione più rapida, soprattutto se la rete sottostante è instabile.

    Un’altra impostazione per provare a regolare è la porta che stai utilizzando per la tua VPN. Passa a 443. Questa porta è utilizzata dal traffico Web SSL (crittografato). Le reti raramente lo bloccano o rallentano poiché ciò limiterebbe il normale utilizzo del web.

  4. Cambia software VPN

    Il più delle volte, il software client reso disponibile dal provider VPN è preconfigurato per offrire le migliori prestazioni con il loro servizio. In alcuni casi, tuttavia, il software o le impostazioni esistenti sul dispositivo potrebbero interferire con la configurazione standard di quel software adatta a tutti.

    Ci sono sicuramente momenti in cui provare un pacchetto software VPN diverso può migliorare i risultati e fornire velocità Internet più elevate. Tuttavia, prima di percorrere questa strada, tieni presente che potrebbe richiedere un po ‘di know-how tecnico più avanzato.

    Poiché la maggior parte dei servizi VPN utilizza OpenVPN come protocollo di connessione standard, un buon punto di partenza è prendere il client OpenVPN vaniglia. Ecco dove puoi trovarlo, elencato per sistema operativo:

    • Microsoft Windows
    • androide
    • Apple iOS / Apple OS X

    Consultare il proprio provider VPN per istruzioni sulla configurazione del software, poiché è probabile che vi siano impostazioni specifiche per ciascun servizio VPN. La maggior parte dei provider mette a disposizione una guida dettagliata sui loro siti Web di supporto e questo è il punto di partenza migliore.

  5. Abilita Split Tunneling

    In alcuni casi, le richieste che stai ponendo sulla tua connessione VPN sono maggiori di quelle che la connessione può gestire, chiare e semplici. Se stai utilizzando contemporaneamente più applicazioni ad alta intensità di larghezza di banda e non puoi (o non vuoi) disattivarne alcune per risolvere i tuoi problemi di velocità, diversi provider VPN offrono un’altra opzione. Si chiama split tunneling.

    Split Tunneling ti consente di specificare quale traffico passa attraverso la VPN e quale non viene crittografato tramite la tua normale connessione Internet.

    Se il tuo provider VPN consente l’uso del tunneling diviso, segui le loro istruzioni per farlo funzionare correttamente. Indipendentemente da come implementano questa funzione, le cose si riducono a specificare quale traffico esonerare dal tunnel VPN e quale includere.

    In alcuni casi, potresti anche essere in grado di utilizzare il tunneling split inverso. Questo metodo consente di specificare solo il traffico che deve utilizzare la VPN anziché escluderne un gran numero di programmi o tipi di traffico. Il tunneling split inverso è un’opzione eccellente se si utilizza una VPN per eludere le restrizioni della regione o si stanno bypassando i blocchi di contenuti messi in atto dal proprio paese o dall’ISP.

  6. Controlla il tuo servizio Internet

    Se, dopo aver provato tutto quanto sopra, si verificano ancora basse velocità quando si accede a siti Web o altri servizi online con una VPN, la prossima cosa da fare è capire se la tua connessione Internet sottostante è la colpa.

    Innanzitutto, disconnettiti dalla VPN. La disconnessione garantisce che i tuoi dati vengano trasmessi direttamente tramite la connessione Internet standard e non vengano reinstradati attraverso un server VPN.

    Una volta fatto ciò, esegui un test di velocità per determinare le prestazioni di Internet. Se i risultati sono scadenti, proprio così, hai eliminato la VPN come fonte del problema.

    Supponendo risultati negativi, puoi provare a riavviare il modem Internet (se sei su una connessione domestica) o provare a passare a un altro hotspot se disponibile. Se nessuno di questi passaggi risolve il problema, sfortunatamente dovrai occuparti del tuo ISP o del proprietario dell’hotspot.

  7. Controlla risorse di sistema

    A volte la causa di una connessione VPN lenta è più vicina a casa di quanto tu possa immaginare. Ecco perché è anche saggio verificare se alcune applicazioni sul tuo dispositivo potrebbero occupare una quantità eccessiva di larghezza di banda.

    Ad esempio, se hai lasciato il tuo client BitTorrent aperto in background e sta attualmente seminando altri ventisette client, le probabilità sono che sia la causa del tuo rallentamento.

    Per scoprire rapidamente quali programmi hai in esecuzione che potrebbero legare la tua connessione, dai un’occhiata al Task Manager del tuo dispositivo. Ecco come accedervi (o il suo equivalente) sui sistemi operativi più popolari:

    • Microsoft Windows: Task Manager
    • Android: app in background
    • Apple iOS: Switcher app
    • Apple OS X: Activity Monitor

    È una buona idea chiudere tutti i programmi o le app che non ti servono. Ciò potrebbe liberare la larghezza di banda inutilmente utilizzata sulla tua connessione VPN. Anche se le applicazioni non utilizzano Internet, chiudendole si libereranno comunque risorse di sistema, il che sicuramente non farà male.

  8. Utilizzare una connessione cablata

    In questi giorni, la maggior parte di noi si connette a Internet tramite Wi-Fi. È di gran lunga il modo più conveniente e mobile per collegarsi online. Sfortunatamente, le connessioni wireless sono suscettibili alle interferenze di altri dispositivi, costruzione di componenti strutturali e persino elettrodomestici. Per ottenere una migliore connessione, potrebbe essere necessario andare alla vecchia scuola.

    Se stai utilizzando un dispositivo con una porta Ethernet, utilizza un cavo di rete per collegarlo direttamente al tuo router o modem. Una connessione cablata assicura che il tuo dispositivo abbia un percorso chiaro e ininterrotto verso Internet. Elimina tutti i problemi di interferenza Wi-Fi dall’equazione e ti avvicina di un passo alla ricerca della causa della lentezza della tua VPN.

    Se non riesci a utilizzare una connessione cablata, analizza il tuo Wi-Fi per ricontrollare che stai utilizzando le impostazioni più ottimali. Anche cambiare la tua posizione (ad esempio spostandoti dall’altra parte del divano) può essere d’aiuto.

  9. Prova un’altra VPN

    Sfortunatamente, ci sono alcune cause di prestazioni VPN lente che sono completamente al di fuori del tuo controllo – cose come l’hardware di rete secondario o il bilanciamento del carico del server VPN scadente. In questi casi, non è possibile fare nulla per superare il problema se non passare a un altro fornitore.

    Il cambio di provider VPN è la tua ultima opzione se hai provato tutti gli altri modi per correggere la connessione VPN lenta.

    Se sei riluttante a cambiare, dovresti considerare che la pura popolarità delle VPN oggi ha portato a un mercato traboccante di opzioni. Ciò significa che potrebbe esserci un servizio che non esisteva quando hai scelto la tua VPN attuale. In alternativa, un fornitore che hai licenziato una volta potrebbe anche aver intensificato il suo gioco.

    Prenditi il ​​tempo per fare le tue ricerche. Dopotutto, perché passare da un servizio VPN di cui non sei completamente soddisfatto a un altro come questo.

    Poiché la velocità di connessione è uno degli obiettivi, qualsiasi provider al di fuori del mio elenco basato su test delle prestazioni delle VPN più veloci può essere un buon punto di partenza. Oltre ai risultati dei test di massima velocità, anche una grande rete di server, una vasta gamma di protocolli e opzioni di configurazione e funzionalità come il tunneling diviso sono altri vantaggi. Servizi come CyberGhost, Surfshark e ProtonVPN selezionano tutte queste caselle.

Molte soluzioni, un obiettivo

Con un po ‘di fortuna, una (o più) delle soluzioni di cui sopra sarà la chiave per risolvere i problemi di velocità della VPN. In effetti, scommetto che ci sono buone probabilità che questo accada. Nella maggior parte dei casi, una VPN non renderà la tua Internet più veloce. Ma, idealmente, la quantità di rallentamento dovrebbe essere appena percettibile.

Con le VPN che stanno diventando sempre più popolari, è più importante che mai per tutti conoscere meglio come funzionano. Scoprirai che sotto il cofano, le VPN non sono così complicate come potresti aver pensato. Alla fine, un po ‘di lavoro investigativo e armeggiare può fare molto per rendere le tue prestazioni al meglio e non lasciarti più chiederti: “Perché la mia connessione VPN è così lenta?”

Potrebbe piacerti anche:
  • Come arrestare la limitazione dei dati ISP
  • I servizi VPN più veloci del 2020
  • Test di velocità VPN
Kim Martin Administrator
Sorry! The Author has not filled his profile.
follow me
    Like this post? Please share to your friends:
    Adblock
    detector
    map