Come impedire al tuo ISP di rintracciarti

Per impostazione predefinita, il tuo provider di servizi Internet (ISP) può vedere tutto ciò che fai online. Tutti i tuoi upload e download passano attraverso la loro infrastruttura. Sono l’intermediario perfettamente posizionato.


Una volta che hanno i tuoi dati, quasi tutte le cose che il tuo ISP fa con esso sono un gioco equo. Può essere analizzato per chissà cosa, venduto al miglior offerente o consegnato alle autorità quando richiesto.

Tuttavia, ci sono alcuni passaggi che possiamo prendere tutti per bloccare il tracciamento dell’ISP e rimanere anonimi online. E mentre alcuni funzionano meglio di altri, se apprezzi la tua privacy e non desideri che le tue informazioni vengano trattate come una valuta, ognuna di esse è meglio di non fare nulla.

Cosa può vedere e tracciare il mio ISP

Come intermediario nel viaggio dei tuoi dati da o verso Internet, l’ISP può tracciare quasi tutto ciò che riguarda le tue attività online. Quando ti connetti a Internet, lo fai con un indirizzo IP assegnato da loro, usando le loro apparecchiature e la rete.

Ciò mette il tuo ISP in una posizione eccellente per vedere e registrare tutto quanto segue:

  • Quali siti Web o servizi visiti (tramite query DNS)
  • Il contenuto di siti Web e download non crittografati
  • La fonte di informazioni crittografate
  • La tua posizione fisica ogni volta che usi Internet
  • I tempi e le date di tutto

Oltre a vedere tutte le informazioni di cui sopra, il tuo ISP può anche, ovviamente, legare tutto al nome e all’indirizzo del titolare dell’account per il servizio Internet (che potresti essere o meno tu).

Gli ISP sanno quali siti web sfoglio

Sì, gli ISP possono scegliere quali siti Web navigare. In ogni caso, conosceranno l’indirizzo del sito che hai visitato, quando è successo e la quantità di dati che hai estratto da esso.

Se il sito Web utilizza la versione sicura del protocollo HTTP (si può dire che è il caso se l’indirizzo inizia con https: //), quanto sopra è tutto ciò che l’ISP può ottenere. Tutte le altre informazioni sono crittografate e illeggibili.

HTTPS può nascondere alcune attività Internet dall'ISP

Se, tuttavia, accedi a un sito Web non protetto (che sono ancora numerosi siti), nessuno dei dati scaricati viene crittografato e il tuo ISP può letteralmente vedere tutto.

Come nascondere l’attività Internet dagli ISP

Il tuo ISP sta guardando, ora lo sappiamo. Se, come me e la maggior parte degli utenti di Internet, sei a disagio con l’enorme livello di accesso che un ISP ha a ciò che fai online, hai delle opzioni per fermarli.

Esistono quattro modi in cui è possibile impedire il tracciamento dell’ISP e nascondere la propria attività su Internet. Sono i seguenti (ordinati dal più al meno efficace).

Usa una VPN

Il modo più sicuro per interrompere il monitoraggio ISP è utilizzare una rete privata virtuale (VPN). Può essere utilizzato su qualsiasi dispositivo, dal tuo computer o smartphone al tuo router o smart TV.

Si utilizza una VPN collegando il dispositivo a un server VPN. Tale connessione è completamente crittografata. Pertanto, anche se tutti i dati che invii e ricevi passano ancora sulla rete del tuo ISP, non hanno modo di scoprire di cosa si tratta.

Per l’ISP, è tutto incomprensibile. Non sanno quali siti Web stai visitando o quali informazioni stai scaricando.

Diagramma di come una VPN ti protegge dal tuo ISP

Le VPN fanno anche un passo avanti. Cambiano l’indirizzo IP assegnato all’ISP per uno appartenente al server VPN.

Lo scambio di IP significa che qualsiasi sito Web o servizio online a cui stai accedendo non ha idea che stiano effettivamente parlando con te. Penseranno anche che ti trovi ovunque il server VPN (che potrebbe trovarsi in un paese completamente diverso), non dove ti trovi effettivamente.

L’aspetto negativo dell’utilizzo di una VPN è che stai spostando l’onere di proteggere la tua privacy dal tuo ISP al provider VPN. Quando ti connetti a loro, la VPN ha la stessa capacità di tracciare le tue attività online come in precedenza l’ISP.

Questo è il motivo per cui è fondamentale scegliere una VPN con una rigorosa politica di non registrazione e una track record di attenersi ad essa. Finché stai attento nella tua selezione, non c’è modo migliore di rimanere anonimo online e di lasciare l’ISP al buio che con una VPN.

Usa Tor

Un altro modo eccellente per impedire al tuo ISP di tracciare le tue attività online è usare Tor. È una rete crittografata progettata, da zero, specificamente per la privacy degli utenti.

Tor si avvale di una tecnica nota come instradamento delle cipolle. Crea un percorso casuale per i tuoi dati e lo porta attraverso più nodi (o server) situati in qualsiasi parte del mondo prima che raggiunga la sua destinazione finale.

Simile alle VPN, tutto sulla rete Tor è crittografato. Quindi, ancora una volta, il tuo ISP non ha modo di scoprire dove vai online o cosa scarichi.

Diagramma di come l'utilizzo di Tor può interrompere il tracciamento dell'ISP

Il problema con Tor è che funziona solo per la navigazione. Non puoi proteggere con esso altri software (come un client BitTorrent) o dispositivi (come il tuo tablet).

È anche notoriamente lento e può ridurre la tua connessione Internet a una scansione. Le migliaia di nodi che compongono la rete Tor sono gestite da volontari e, sfortunatamente, l’hardware utilizzato è spesso mediocre nella migliore delle ipotesi.

Usa un proxy

Un metodo leggermente meno comune, sebbene ancora ampiamente utilizzato, alcuni di noi optano per fermare la raccolta di dati ISP è un proxy.

Un proxy, come una VPN, instrada il tuo traffico Internet attraverso un server, impedendo al tuo ISP di scoprire a quale risorsa online stai accedendo. Quello, tuttavia, è dove finiscono le somiglianze.

Il diagramma dei proxy nasconde la cronologia di navigazione dall'ISP

I proxy non usano la crittografia. Pertanto, anche se il tuo ISP non riesce a vedere dove ti stai connettendo, può comunque analizzare il contenuto dei tuoi dati.

Se, ad esempio, stai scaricando qualcosa che non dovresti essere, loro lo sapranno.

Come nel caso dei nodi Tor, la maggior parte dei proxy è gestita anche da volontari. La mancanza di crittografia lascia i tuoi dati aperti alla manipolazione a livello di server proxy. Se usi un proxy da una fonte non attendibile, un giorno potresti trovare il tuo dispositivo infetto da malware (è un caso relativamente raro ed estremo, ma succede).

Usa HTTPS

Infine, la cosa più semplice che puoi usare per impedire al tuo ISP di tracciare la tua attività è connettersi a siti Web che usano il protocollo HTTPS.

HTTPS crittografa la connessione tra il tuo browser e il sito web che stai visitando. Ma, come accennato in precedenza, il tuo ISP sarà ancora in grado di scoprire un bel po ‘di informazioni su ciò che stai facendo.

Conosceranno l’indirizzo di qualsiasi sito web che visiti. Il tuo ISP saprà anche con precisione quando ti sei collegato al sito e quanti dati hai scaricato da esso.

Tuttavia, le connessioni HTTPS forniscono almeno una piccola quantità di privacy, quindi è una buona idea usarle ogni volta che puoi. È molto meglio di niente.

C’è un plug-in del browser che puoi usare anche chiamato HTTPS Everywhere che abiliterà automaticamente una connessione sicura se un sito Web lo supporta.

Puoi anche combinare l’uso di HTTPS con proxy, per darti qualcosa che ricorda quasi una VPN. Il primo fornisce la crittografia e impedisce l’ispezione dei dati dell’ISP, il secondo nasconde al tuo ISP la risorsa online a cui ti stai connettendo.

Altro su VPN e monitoraggio ISP

Dalle quattro opzioni di cui sopra per tenere a bada il monitoraggio e il monitoraggio dell’ISP, le VPN sono la soluzione più completa e conveniente. È ciò a cui la maggior parte delle persone (me compreso) tende a gravitare. Pertanto, approfondiamo un po ‘di più.

Cosa vede il mio ISP quando utilizzo una VPN

Quando usi una VPN, il tuo ISP non può vedere quali siti web visiti o quali servizi online usi. Inoltre, non può dare un’occhiata ai dati inviati o ricevuti. Tutto ciò che può vedere sono le informazioni crittografate che viaggiano tra il dispositivo e un server.

Per dirla in un altro modo, quando sei connesso a una VPN, ciò che l’ISP vede è un mucchio di cose incomprensibili incomprensibili che arrivano o provengono da una posizione sconosciuta su Internet.

Il mio ISP saprà che sto usando una VPN

A meno che tu non prenda misure specifiche per nascondere il tuo utilizzo della VPN, il tuo ISP può capire che ne stai usando uno (supponendo che a loro piaccia guardare, ovviamente).

L’unico bit di dati che il tuo ISP conosce è l’indirizzo IP del server VPN a cui sei connesso. Non è difficile capire che il server è effettivamente un server VPN e da lì a quale provider appartiene.

Detto questo, le VPN sono perfettamente legali nella stragrande maggioranza dei paesi e non ho mai sentito parlare di un ISP che punisce i clienti per averne usato uno.

Cosa succede se vivi in ​​un posto in cui l’uso della VPN non è consentito? O se, per qualche motivo, non vuoi davvero che il tuo ISP sappia che stai utilizzando una VPN?

In entrambi i casi, molti provider offrono e offuscano il servizio VPN. Utilizzando una tecnologia speciale, possono impedire il rilevamento VPN e consentire loro di scivolare sotto il radar di qualsiasi ISP.

Un ISP può bloccare le VPN

In teoria, sì, il tuo ISP potrebbe essere in grado di bloccare una VPN. In pratica, non è qualcosa di cui devi preoccuparti, specialmente nei paesi in cui l’uso della VPN è legale.

La possibilità di bloccare una connessione VPN dipende principalmente dal protocollo utilizzato. PPTP, ad esempio, è un obiettivo facile. Utilizza una singola porta che può essere facilmente bloccata da qualsiasi firewall.

Ma altri protocolli possono essere molto più difficili da chiudere. Prendi OpenVPN (che supporta quasi tutti i provider). Può essere configurato per utilizzare qualsiasi porta arbitraria e TCP o UDP, rendendolo molto più di una destinazione mobile.

OpenVPN può anche essere configurato per funzionare sulla porta TCP 443, dove avviene la normale navigazione web HTTPS.

In tal caso, anche se stai utilizzando una VPN, sembrerà che tu stia visitando un sito Web che utilizza HTTPS (pensa a Gmail o al tuo banking online). E dal momento che il blocco di quella porta impedirebbe a tali servizi di funzionare, farlo non è davvero un’opzione.

Come utilizzare una VPN per impedire il monitoraggio ISP

Configurarsi con una VPN e impedire all’ISP di spiarti è abbastanza semplice. Ecco i passaggi:

  1. Trova un provider VPN più adatto alle tue esigenze. Ecco alcuni aspetti da considerare quando ne scegli uno e, se sei interessato, un elenco di buoni servizi che puoi utilizzare come punto di partenza nella tua ricerca.
  2. Iscriviti al servizio.
  3. Dal sito Web del provider selezionato, scaricare e installare il client per il dispositivo o la piattaforma. Qualsiasi VPN migliore avrà software per almeno Windows, MacOS, Android e iOS.
  4. Avviare il client e selezionare un server a cui connettersi. Quale sceglierai dipenderà da cosa stai cercando di fare. Ad esempio, per la connessione più veloce possibile, probabilmente vorrai solo un server vicino alla tua posizione. Ma per sbloccare Netflix negli Stati Uniti, vorrai un server negli Stati Uniti.
  5. Sei pronto. Usa Internet come faresti di solito. Tutto dovrebbe funzionare esattamente come una VPN, tranne il tuo ISP che non può più monitorare il tuo traffico.

Vale anche la pena notare che molti provider hanno un’opzione per avviare il proprio client e connettersi automaticamente alla VPN quando si accende il dispositivo. È un’opzione da considerare se intendi mantenere l’ISP al buio tutto il giorno ogni giorno.

Posso utilizzare una VPN gratuita per interrompere il monitoraggio ISP

Le VPN gratuite possono essere complicate. Ce ne sono alcuni decenti, ma la stragrande maggioranza di cui dovresti stare alla larga. Usarli può essere altrettanto negativo, se non peggio, che lasciare semplicemente che il tuo ISP controlli il tuo traffico.

Una cosa che un provider gratuito non è è un ente di beneficenza. Hanno bisogno di fare soldi e spesso lo fanno monitorando e vendendo l’attività degli utenti. Ed è proprio quello che stai cercando di evitare chiudendo il tuo ISP.

La vendita dei dati può anche essere solo la punta dell’iceberg. Potrebbe anche essere necessario gestire l’iniezione di annunci, la crittografia debole e le prestazioni lente. Ci sono molte differenze tra VPN gratuite e VPN a pagamento che inclinano le scale verso l’uso di quest’ultima, nonostante il costo.

Pensieri finali

Il tuo ISP vede tutto e sa tutto su ciò che fai online. La privacy e l’anonimato sono inesistenti. Ma ora sai che c’è qualcosa che puoi fare al riguardo.

Esistono modi efficaci per bloccare il tracciamento dell’ISP e nascondere da esso le tue attività su Internet. E se decidi di utilizzare una VPN, Tor o uno qualsiasi degli altri metodi citati, una cosa è certa. Tornerai sotto controllo, proprio come dovrebbe essere.

Kim Martin
Kim Martin Administrator
Sorry! The Author has not filled his profile.
follow me